Condannata ad otto anni di carcere e 30mila euro di multa per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Questa la sentenza emessa questa mattina dal giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina, Giuseppe Cario, nei confronti di Mirella Rita Franco, la 49enne arrestata il 7 aprile dell’anno scorso ad Aprilia perché trovata con ben 113 chilogrammi di hashish suddivisi  in 112 pacchetti. Il gup ha accolto in pieno la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero Cristina Pigozzo, la quale ha chiesto per la donna, appunto, 8 anni di carcere. La 49enne incensurata, difesa in aula dall’avvocato del foro di Latina, Luca Giudetti, è stata giudicata colpevole al termine del rito abbreviato, che consente lo sconto di un terzo della pena eventualmente inflitta sulla base del solo fascicolo del pm.
L’ingente carico di stupefacenti era stato rinvenuto nell’abitazione dell’imputata che si trova in pieno centro ad Aprilia. Arrestata dai carabinieri del Reparto territoriale, nel corso dell’interrogatorio aveva poi spiegato ai magistrati che la droga la custodiva per conto di altri. La sostanza, proveniente dai Balcani, sul mercato avrebbe fruttato la somma di circa un milione di euro.