Passione di Cristo, versione Rock. E’ questo l’innovativo concept del musical che verrà presentato a Latina il  9 Aprile prossimo sul palco del teatro D’Annunzio con doppio spettacolo alle ore 16 e alle ore 19. Un’opera colossal che è stata ripensata per gli spazi limitati del teatro pontino, dove saliranno circa 50 tra attori, musicisti e ballerini. Un musical rivoluzionario che viene da lontano, dalla Sicilia, precisamente da Marsala, dove è ormai diventato un appuntamento fisso che richiama ogni anno centinaia di persone da tutta l’Isola.

“Cosa che vorremmo si realizzasse anche a Latina dove manca una rappresentazione del genere legata alla passione di Cristo – spiega il presidente dell’associazione culturale “Cantiere Dell’Arte”, promotrice dello spettacolo, Giuseppe Li Causi.

Un binomio, quello tra musica rock e temi religiosi, che non è nuovo nel panorama teatrale e che in passato oltre a diventare un cult ha portato dietro sé un’enorme scia di polemiche. La mente corre ovviamente al musical scritto da Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, Jesus Christ Superstar, la prima opera rock riprodotta sui palchi di tutto il mondo. Nell’ultimo decennio, al contrario, il connubio musica rock e temi religiosi si è invece trasformato in una sorta di estremo tentativo di avvicinare i giovani, sempre più distanti, alla fede. Ne sono una dimostrazione le tante band rock cristiane formatesi prima negli Stati Uniti d’America e che ora stanno nascendo, seppur in numero limitato, anche in Italia ed Europa ma anche l’ingresso di canti e strumenti tipicamente rock in alcune celebrazioni eucaristiche (solitamente quelle dedicate ai giovani frequentanti il catechismo). Mai, tuttavia, una sacra rappresentazione era stata così concepita.

“Il nostro obiettivo, invece, è proprio questo – spiega ancora Li Causi che per questo spettacolo potrà contare sul patrocinio sia del Comune di Latina che della Curia Vescovile – ossia far conoscere il travaglio della passione di Cristo in chiave opera rock, quindi renderla più accessibile ai giovani d’oggi, sempre più distanti dalla fede”.

Scritta dal maestro Vincenzo Li Causi e da Pietro Titone, il musical metterà in scena la drammatica lotta tra la personificazione della morte e il cristo vita. Sul palco verranno rappresentati l’ingresso a Gerusalemme, l’arresto nell’orto degli ulivi sino al processo e alla crocifissione di Gesù.

Tanti i personaggi di fama internazionale che prenderanno parte al musical. Tra questi Manuela Zanier, protagonista in vari spettacoli come La Divina Commedia, la Tosca e la Bella e la Bestia. La regia e la direzione artistica saranno affidati a Giuseppe Li Causi mentre le coreografie del corpo di ballo saranno affidate a Martina Pinti della Dance Lab.

Nella foto in alto lo spettacolo andato in scena a Marsala lo scorso anno