Continua la macchina della solidarietà messa in moto sin da subito nel capoluogo pontino per sostenere le popolazioni colpiti dal sistema che lo scorso agosto ha portato morte e disperazione nel Centro Italia. Con le donazioni raccolte durante la serata”Ama-triciana con il Cuore”, 6.900 euro per la precisione, i volontari di Cori e Giulianello hanno soddisfatto alcune esigenze concrete degli sfollati, scelte tra i fabbisogni esternati sul sito http://terremotocentroitalia.info/ che aggrega e condivide informazioni utili sugli eventi sismici che hanno colpito il Centro Italia nel 2016. Nello specifico li hanno impiegati per acquistare due containers: il primo per rimessaggio – consegnato lo scorso mercoledì alla presenza della delegazione mista Protezione Civile e Comando di Polizia Locale – consentirà ad un agricoltore di Saletta di Amatrice di rimettere le attrezzature e i materiali e rimanere vicino ai campi e alle bestie; il secondo abitativo, invece, sarà consegnato domani ad una famiglia di operatori agricoli di Arquata del Tronto al fine di garantirgli la possibilità di portare avanti il lavoro. I restanti 1800 euro, infine, verranno destinati a finalità simili. Presenti nelle zone terremotate anche gli scout laici C.N.G.E.I. di Velletri e Giulianello che dal 25 agosto gestiscono uno degli 8 campi di accoglienza di Tolentino (MC), che ospita circa 100 persone di cui 30 minori. Nella fattispecie, si occupano di animazione, doposcuola per i bambini, del magazzino, assistenza h24 e pulizia locali. Hanno, però, anche supportato il Sindaco di Amatrice e il Dipartimento di Protezione Civile in qualità di interpreti e traduttori in occasione della visita in zona rossa di una delegazione israeliana di Protezione Civile, giunta in Italia per apprendere le tecniche gestionali del post sisma nei Paesi esteri, con particolare riguardo alla fase del primo soccorso e dell’estrazione dei corpi dalle macerie.